Come fare Marketing

Come far funzionare il Web Marketing per i negozi fisici locali

di

Web Marketing per attività locali

proximity marketing

[stextbox id=”Box-Mi-Piace”]In che modo il Web Marketing può aiutare le attività locali ad incrementare il numero di clienti? Qui ti parlo di alcune utili strategie di comunicazione.[/stextbox]

Sempre di più le persone vivono la loro vita online non solo condividendo le proprie esperienze quotidiane come il lavoro, il ristorante, un paesaggio, un momento emotivo, ma accedendo ad Internet e ai Social più volte al giorno e da più dispositivi contemporaneamente.

Possono venire a conoscenza della tua azienda dallo smartphone, approfondire la tua offerta da desktop e decidere di passare dal tuo negozio senza averti mai lasciato né un commento né un “mi piace” né tanto meno un’email.

Per questo devi ragionare su una strategia a più ampio raggio che vada dall’online all’offline e poi di nuovo all’online.

Un cliente potrebbe scoprire la tua offerta da una inserzione su Facebook, atterrare su una tua pagina (es. Landing Page) non lasciare alcun dato ma decidere di venire direttamente al tuo store, acquistare un prodotto e poi recensirlo online. Oppure potrebbe vedere la tua inserzione online e decidere di telefonarti. Tutte queste azioni fanno perdere dati e risultati alle tue campagne online.

Stai pensando ad un modo per monitorare queste tipologie di azione? Un modo semplice, oltre a quella di chiedere direttamente “Come ci ha trovati?” consiste nell’attivare un numero VoIP (di solito gratuito in ricezione) che verrà utilizzato solo per le campagne di comunicazione online o, addirittura, solo per una specifica campagna, ad esempio AdWords: se squilla quel numero puoi star certo che quel potenziali cliente (lead) arriva da una campagna di Web Marketing.

Allo stesso modo puoi pensare di usare indirizzi web (URL) specifici, magari usando sistemi come Bit.ly per creare link brevi, facili da scrivere e, soprattutto, misurabili in termini di clic.

Per un mio cliente, che ha fatto una pubblicità su il “Sole 24 Ore” versione cartacea, ho proprio usato quest’ultima tecnica ovvero ho mostrato un link breve in modo da misurare quanti “clic” sarebbero arrivati da quella comunicazione. Ho anche aggiunto un QR-Code che puntava allo stesso indirizzo compresso.

Il focus su cui t’invito a riflettere è che le attività online stanno sempre di più influenzando le vendite dal vivo (offline) senza lasciare alcuna traccia in rete. Mi spiego: fino a ora tutte le azioni di comunicazione online sono orientate esclusivamente alla raccolta dei dati del cliente (nome, cognome, email), questo non è sbagliato anzi è auspicabile, ma il più delle volte non avviene poiché il cliente non ritiene opportuno lasciare i suoi dati, anzi non sente alcun vantaggio a farlo e preferisce un contatto diretto (offline) con l’azienda. In questo caso devi essere pronto a misurare i risultati.

Chi ha un negozio fisico sa che il 95% delle vendite avviene proprio dal vivo anche perché non tutto è vendibile online, pensa a chi vende cucine o ad una concessionaria auto. Tuttavia da un’indagine svolta da Google, analizzando i dati AdWords,

il 32% dei consumatori conferma di essere stato convinto a visitare un negozio fisico e ad effettuare un acquisto proprio da una inserzione online.

La costante connettività tramite smartphone costringe ad un cambiamento quasi radicale delle strategie di comunicazione. La geo localizzazione ti permette d’intercettare un potenziale cliente proprio quando si trova nei pressi del tuo negozio e, in tempo reale, dirottarlo verso la tua attività (parliamo di Proximity Marketing).

Inserire nel proprio annuncio online o nella propria Landing Page un numero telefonico direttamente cliccabile e/o un indirizzo ben chiaro collegato ad una mappa interattiva e sapere magari che la tua azienda si trova a soli 3 Km di distanza dal punto in cui si trova il potenziale cliente può avere un ritorno in termini di contatti dal vivo veramente notevole.

click to call

Comprendere questi nuovi meccanismi d’integrazione tra l’online e l’offline ti permette di progettare strategie di Web Marketing maggiormente efficaci. Quello che devi comprendere è che non tutto si conclude online, anzi la maggior parte delle volte non è così.

Devi prendere l’abitudine di misurare le visite che ricevi in negozio. Con un mio cliente abbiamo escogitato un semplice meccanismo di test che ha funzionato alla grande: un piccolo totem mostrava una ciotola con dei sassi colorati e dei fori dove poterli lasciare cadere. Ogni foro rappresentava una possibile campagna, ad esempio: “Vi ho visto su Facebook”, “Vi ho visto su Google”, “Me ne ha parlato un amico” ed altro.

I risultati sono stati sorprendenti e ci hanno permesso di avere un’idea molto più precisa della tipologia di persone che frequentavano il negozio e soprattutto di cosa stava funzionando meglio tra le diverse campagne online e, di conseguenza, orientare gli investimenti laddove si avevano risultati concreti.

La pubblicità online deve diventare soprattutto un mezzo per per aiutare e soprattutto agevolare il potenziale cliente a raggiungere fisicamente il tuo negozio. Non solo offerte, ma anche numeri telefonici cliccabili e utilizzabili direttamente da smartphone, mappe interattive, geo localizzazione e tutto ciò che possa convincere e aiutare il potenziale cliente a raggiungerti.

Infine non dimenticare di misurare i risultati con “giochetti” come quello di cui ti ho parlato e, chiaramente, ricorda che puoi sempre intervistare dal vivo le persone con una semplice domanda: “Come ci ha trovati?”


Posso aiutarti a realizzare il tuo obiettivo di business online. Mi occupo da anni di strategie di Web Marketing e Comunicazione Digitale.
Tag: ,

Vuoi restare aggiornato su temi e argomenti come quello trattato in quest’articolo? Inserisci il tuo nome e l’email e non perderai nessun nuovo post!

(Odiamo lo spam e puoi cancellarti con un clic)